Il mio semestre all’estero da Exchange Student USA
Anno Scolastico all'Estero

Il mio semestre all’estero da Exchange Student USA

Sono Alessandro, sono appena rientrato dal mio semestre all'estero in Minnesota, negli Stati Uniti, e vi racconto la mia esperienza.

“Tutto prima o poi finisce ma i ricordi durano per sempre”. Questa era la frase che ripetevo dentro di me durante il lungo volo di ritorno qualche giorno fa dagli Stati Uniti. Ma facciamo un piccolo passo indietro, siamo a gennaio, precisamente il 15, sono le tre di mattina. La sveglia suona ma io ero già sveglio dalla sera prima, non ero riuscito a dormire. Il mio primo volo era alle 6.30 e avrei cominciato l’esperienza più bella della mia vita. Salutati i miei amici e la mia famiglia, dopo tante lacrime salgo sull’aereo che mi avrebbe portato prima ad Amsterdam e poi fino alla lontana Minneapolis, in Minnesota, per vivere il mio semestre all’estero in USA.

Perché ho deciso di trascorrere un semestre all’estero

Sono partito pieno di entusiasmo e motivazione: mi sono chiesto più volte perché l’ho fatto, trovando ogni volta un motivo nuovo: migliorare il mio inglese, conoscere la stravagante cultura americana, esplorare nuovi e incredibili luoghi e frequentare una high school sono solo una piccola parte del viaggio. Dall’anno all’estero si cresce anche sotto l’aspetto caratteriale, si diventa meno timidi e più intraprendenti, si stringono nuove e fortissime amicizie con persone mai viste prima, si vive in una famiglia con abitudini e modi di fare diversi, si impara ad adattarsi.

I momenti più belli del mio semestre all’estero

Tornato a casa mi sentivo una persona completamente diversa, più matura e adulta. Ma torniamo al nostro viaggio: dopo ore e ore di volo, finalmente sbarco negli USA! Passato qualche controllo di dogana, visto e passaporto incontro finalmente la mia famiglia ospitante che era lì ad aspettarmi! Sono in cinque: la mamma e quattro figli! Vivono in una piccola cittadina a un’ora e mezza da Minneapolis, la casa è grande, vicino alla scuola e a tutti i negozi. Già dai primi giorni mi hanno accolto come un altro fratello, si interessavano a me, alle mie emozioni, a farmi sempre star bene e a farmi conoscere più cose possibili riguardo al nuovo e lontano mondo in cui ero entrato. Per la prima volta accoglievano un Exchange Student, quindi non vedevano l’ora di farmi provare più cose possibili. Durante il mio semestre all’estero sono andato a vedere partite di NBA, ho fatto sci e snowboard, sono andato in motoslitta, ho pescato, sono andato a fare shopping nel centro commerciale più grande d’America, ho giocato a golf con i miei amici (purtroppo ho perso…), ho provato tanti ristoranti italiani, americani e internazionali, ho fatto kayak, tubing, wakesurf, ho visitato tanti college americani e ho festeggiato i miei 18 anni nel lodge di famiglia al lago! Credo di non aver mai fatto così tante cose in soli sei mesi.

exchange student USA semestre all'estero high school

Passando al capitolo viaggi, tante volte siamo andati a Minneapolis a visitare la metropoli, i musei, le gallerie d’arte, i giardini e i parchi, ma siamo anche partiti per diversi giorni a Duluth, verso nord e a poche ore dal Canada, dove ho visto tante cascate, parchi naturali e coste alte e rocciose che si affacciano sul Lake Superior, il lago più grande al mondo. L’ultimo viaggio è stato invece in Sud Dakota, dove dopo ore e ore di auto siamo arrivati in questo paradiso incontaminato chiamato Badlands fatto di montagne di sabbia, molto simile ai paesaggi desertici dell’Arizona. Ultima tappa del nostro viaggio sono state le Black Hills, una catena montuosa di cui fa parte anche il famoso Monte Rushmore su cui sono scolpiti i volti dei quattro più importanti presidenti americani! È stata un’emozione unica visitare tutti questi luoghi magici che prima sembravano lontani e inarrivabili.

Studio, sport e amicizie: la vita nella High School

exchange student USA anno all'estero high school

Ma non ho ancora parlato del centro focale della mia esperienza, la High School. Per me è cominciata dopo 7 giorni dall’arrivo, anche qui ho trovato persone gentilissime e molto cordiali che hanno fatto di tutto per accogliermi nel migliore dei modi e farmi sentire a casa. Le materie che ho scelto per il mio semestre all’estero mi hanno permesso di stare al passo con la scuola italiana e allo stesso tempo esplorare contenuti nuovi che mi interessavano da tempo: le mie classi erano letteratura americana, matematica, business management, fisica, informatica, palestra e governo americano.
Il metodo scolastico statunitense è molto diverso da quello italiano per tanti motivi, a partire dalle classi che vengono scelte ogni semestre e non sempre con lo stesso gruppo di persone: ad ogni ora si cambia aula e si incontrano compagni di classe nuovi! Questo mi ha permesso di fare amicizia con decine di persone e stringere tanti bei rapporti: la chiave è non essere timido, parlare con tutti e cercare di integrarsi al meglio!

Un altro modo per stringere amicizia è dedicarsi ad attività pomeridiane come sport o club. Io ho fatto inizialmente basketball nella stagione invernale e successivamente atletica durante la primavera. Lo sport si pratica nelle palestre e nelle strutture scolastiche, ogni giorno per circa due ore. È stata la svolta della mia esperienza, ho conosciuto ancora più persone, mi sono divertito moltissimo, sono andato alle partite con il famoso bus giallo americano e tutta la scuola era a vedermi. Se dovessi dare un solo consiglio a tutti i futuri exchange student direi loro di iscriversi a uno sport o club dove ci si può divertire e vivere ancora di più il sogno americano.

Dopo il Prom si torna a casa

A proposito di sogno americano, non ho ancora detto niente riguardo al famosissimo ballo di fine anno, il Prom! Le preparazioni sono iniziate mesi e mesi prima, quando io e i miei amici abbiamo invitato le ragazze con dei cartelloni e siamo poi andati a scegliere il vestito per la serata. Quando è arrivato il giorno tanto atteso, tutti eravamo entusiasti ma allo stesso tempo tesi perché ogni cosa doveva essere perfetta dopo mesi di preparazione. Abbiamo pranzato tutti insieme, siamo andati a scuola, abbiamo sfilato davanti a tutti e poi abbiamo ballato! È stata un’esperienza unica e indimenticabile! Dopo il ballo i giorni passano però sempre più velocemente, finisce la scuola, finisce atletica, festeggio la Graduation con miei amici che si sono diplomati e comincio a rendermi conto che tutto stava finendo.

exchange student USA Prom high school

Mi rendo conto di essere cresciuto, maturato e cambiato, caratterialmente e fisicamente, e ho raggiunto tutti i traguardi che mi ero posto prima di partire. Prima del volo, durante la partenza, con tante lacrime, saluto tante persone che in sei mesi sono entrate nella mia vita e mi hanno permesso di vivere emozioni uniche e indimenticabili, ma sapevo però che dall’altra parte, in Italia, c’era la mia famiglia e i miei amici che mi aspettavano e non vedevano l’ora di salutarmi. Mi ricordo che il mio fratello ospitante mi ha salutato con la frase con cui ho cominciato questa storia, “Tutto prima o poi finisce ma i ricordi durano per sempre”.

Sei nata/o nel 2003?

Con il Bonus Cultura puoi avere un buono di € 500 da spendere per una vacanza studio o un corso di lingua all'estero.

Scopri di più

Il mio semestre all’estero da Exchange Student USA
Torna su
test di inglese

Test di Inglese online

Scopri ora il tuo livello di conoscenza dell'inglese con il nostro test on-line.
Risultato immediato con indicazione del livello di inglese secondo il CEFR.

Fai il test
test di spagnolo

Test di Spagnolo online

Conosci il tuo livello di conscenza della lingua spagnola?
Scoprilo ora con il nostro test online gratuito.

Fai il test